FERRAGOSTO CON GIANNI RODARI E LE SUE FILASTROCCHE: PERCHE' NO?

Il Corsera di oggi mi ricorda, in occasione del Ferragosto, festa religiosa, si celebra l’Assunzione di Maria in cielo, divenuta laica, Gianni Rodari e una delle sue più celebri filastrocche: Filastrocca vola e va dal bambino rimasto in città. Chi va al mare ha vita serena e fa i castelli con la rena, chi va ai monti fa le scalate e prende la doccia alle cascate… E chi quattrini non ne ha? Solo, solo resta in città: si sdrai al sole sul marciapiede, se non c’è un vigile che lo vede, e i suoi battelli sottomarini fanno vela nei tombini. Quando divento Presidente faccio un decreto a tutta la gente; “Ordinanza numero uno: in città non resta nessuno; ordinanza che viene poi, tutti al mare, paghiamo noi, inoltre le Alpi e gli Appennini sono donati a tutti i bambini. Chi non rispetta il decretato va in prigione difilato.
Gianni Rodari (Omegna, 1920 – Roma, 1980) è indiscutibilmente uno dei più grandi e importanti autori italiani di letteratura per bambini e ragazzi. Oltre alle sue favole e alle filastrocche, ha scritto moltissime poesie, che, con un linguaggio semplice e diretto, descrivono emozioni e sentimenti importanti e insegnano ai più piccoli le cose importanti della vita. Questi testi, pur se scritti per un pubblico di bambini, sono anche adatti ad aprire il cuore degli adulti, risvegliando nella memoria i ricordi della loro infanzia e spingendoli a soffermarsi un attimo, a pensare alle cose importanti, a non lasciarsi trascinare dalle corse cui ci obbliga la vita di ogni giorno.
Dal 1980 sono state scritte decine di opere che parlano di Gianni Rodari, ed esistono anche centinaia di parchi, circoli, biblioteche, ludoteche, strade, e scuole materne ed elementari intitolate a lui. Il Parco Rodari più importante si trova ad Omegna sul Lago d’Orta, suo paese natale, mentre a Roma gli è stata intitolata la biblioteca comunale del Municipio Roma VII a Tor Tre Teste. Nel 2010, novantesimo anniversario della nascita, quarantesimo anniversario del ricevimento del Premio Andersen e trentesimo anniversario della morte, in Italia e all'estero, sono state realizzate numerosissime iniziative per ricordarlo; tra esse le nuove ristampe per l'occasione. Rodari, di cui sentiamo molto la mancanza, fu uno tra i maggiori interpreti del tema "fantastico" nonché, grazie alla Grammatica della fantasia, sua opera principale, uno fra i principali teorici dell'arte di inventare storie. Info: www.filastrocche.it di Rino Alessi 15/08/2017 bellaunavitaallopera.blogspot.com

Commenti

Post popolari in questo blog

ANDREA ZAUPA: UNA CARRIERA TRA CANTO, MEDITAZIONE E FOTOGRAFIA. INTERVISTA CON IL BARITONO VICENTINO CHE STA PER DEBUTTARE NEL PERSONAGGIO DI SCARPIA

STEFANIA BONFADELLI UNA REGISTA ALL'OPERA: DOPO IL VERDI COMICO A MARTINA FRANCA L'ARTISTA VERONESE METTE IN SCENA MARIA CALLAS MASTER CLASS

PER IL COMPLEANNO DI GIORGIO STREHLER A VENT'ANNI DALLA MORTE: 14 AGOSTO 1921