TEATRO COMUNALE GIUSEPPE VERDI PORDENONE. Domenica 15, ore 16 UN FINALE DA FAVOLA “BIANCANEVE. LA VERA STORIA” CHIUDE LA RASSEGNA “A MISURA DI FAMIGLIA”

Al Teatro Verdi di Pordenone domenica 15 aprile alle ore 16, la rassegna “A misura di famiglia” chiude con un finale da favola. L’appuntamento è con lo spettacolo “Biancaneve la vera storia” scritto e diretto da Michelangelo Campanale, con Catia Caramia, Maria Pascale e Luigi Tagliente. La storia porta i piccoli spettatori proprio dentro alle origini della fiaba, dove prendono vita i personaggi e i loro sentimenti, lo spettacolo è prodotto da Teatro Crest, vincitore del Festival Nazionale del Teatro per i Ragazzi, Premio Padova 2017. «Mia madre me la ricordo sempre davanti allo specchio» racconta Biancaneve all’ultimo dei sette nani, incuriosito dalla bambina, fuggita nel bosco per scappare da una madre che diventata matrigna, perché bruciata dall’invidia per la sua bellezza. Lo spettacolo è una deliziosa metafora della vita, che racconta ai bambini senza dire bugie, ma con ironia ed emozione. È stato premiato “Per il coraggio di aver analizzato con complessità e ricchezza psicologica l’idea quanto mai attuale della bellezza che non accetta rivali”. Le fiabe sono eterne e di tutti, ma nascono in luoghi precisi. Biancaneve, una delle fiabe più conosciute al mondo, nasce in Germania; le montagne innevate e le miniere profonde di quella terra ci allontanano dall'immaginario americano di Walt Disney, per ridarle la luce che le è propria.
In questo spettacolo, l'ultimo dei sette nani diventa testimone dell'arrivo di una bambina coraggiosa, che preferisce la protezione del bosco sconosciuto allo sguardo, conosciuto ma cupo, di sua madre. Una madre che diventa matrigna, rosa dall'invidia per la bellezza di una figlia che la vita chiama naturalmente a fiorire. Nel bosco Biancaneve aspetta come le pietre preziose che, pazienti, restano nel fondo delle miniere, fino a quando un giorno saranno portate alla luce e potranno risplendere di luce propria ai raggi del sole. Continua con questo spettacolo il progetto che il Crest condivide con l’immaginario di Michelangelo Campanale, per raccontare ai ragazzi storie che riescano ad emozionarli davvero, senza edulcoranti e senza bugie, ma solo con grande rispetto della loro capacità di comprendere ed elaborare pensieri e opinioni in autonomia, semplicemente sulla strada della crescita.
La compagnia - Il Crest nasce a Taranto nel 1977 e porta avanti in un ambiente difficile – sia socialmente che culturalmente – un discorso teatrale coerente e innovativo, raccontando vite complicate, sogni ostinati, incontri tra culture e condizioni differenti, cercando di coniugare i linguaggi della tradizione con quelli della ricerca teatrale contemporanea. Inserito dal 1992 dalla presidenza del Consiglio dei Ministri nell’elenco delle “compagnie che svolgono ad alto e qualificato livello attività nel campo del teatro per l’infanzia e la gioventù”, il Crest ha scelto quali interlocutori privilegiati i bambini, i ragazzi e i giovani, con l’intento di creare un punto di riferimento culturale e professionale forte. Un teatro che mira a diventare polo di attrazione di artisti italiani e stranieri, diventando modello di mediazione tra il teatro e le altre forme di comunicazione/creazione quali la scrittura, la pittura, il video, la danza, la musica. Informazioni e Biglietti: www.comunalegiuseppeverdi.it - info 0434 247624. (Comunicato Stampa) PORDENONE – 12/04/2018 Info: Teatro Comunale Giuseppe Verdi - Pordenone Via Roma, 3 - 33170 Pordenone - TEL 0434 247610 stampa@comunalegiuseppeverdi.it

Commenti

Post popolari in questo blog

VERSO IL SOLD OUT L'AIDA DI GIUSEPPE VERDI CON LA REGIA DI DAVIDE GARATTINI - 11 -13 LUGLIO - TEATRO GIUSEPPE DI STEFANO - TRAPANI

Sei cantanti lirici scelti per l’opera “L’importanza di esser Franco” a Trapani

Donato Renzetti inaugura la Stagione Sinfonica della Fenice con un programma musicale in omaggio a Porto Marghera