L'ARENA DI VERONA PIANGE LA SCOMPARSA DI SILVANO CARROLI

Il Sovrintendente e Direttore Artistico Cecilia Gasdia e tutta la Fondazione Arena di Verona esprimono profondo dolore per l’improvvisa scomparsa di Silvano Carroli, celeberrimo baritono conosciuto e applaudito in tutto il mondo. L’artista veneziano ha debuttato in Arena nel 1974 con Sansone e Dalila nell’allestimento firmato da Franco Enriquez. Da allora è stato presente in molte edizioni del Festival, esibendosi in numerosissimi titoli tra cui Tosca - resterà indimenticabile il suo Scarpia - Cavalleria rusticana, Pagliacci, La Gioconda, Attila, Aida, Nabucco, Rigoletto, Otello, Un ballo in maschera e molti altri. Memorabili anche le sue ultime presenze areniane: nel 2007, dove ha aggiunto con successo alle interpretazioni da baritono quella come basso nel ruolo verdiano di Zaccaria, per finire con il 2009 dove è stato Amonasro in Aida. Cecilia Gasdia lo ricorda così: « Nella mia carriera ho avuto l'onore di cantare con lui e lo ricordo come un grande professionista e un collega di una dolcezza davvero eccezionale. La sua perdita è un dispiacere e un dolore personale enorme. Il pubblico areniano ricorderà per sempre la sua voce - una delle più grandi degli ultimi 40 anni - e la nobiltà delle sue interpretazioni». 6/04 (COMUNICATO STAMPA) bellaunavitaallopera.blogspot.com

Commenti

Post popolari in questo blog

ANDREA ZAUPA: UNA CARRIERA TRA CANTO, MEDITAZIONE E FOTOGRAFIA. INTERVISTA CON IL BARITONO VICENTINO CHE STA PER DEBUTTARE NEL PERSONAGGIO DI SCARPIA

STEFANIA BONFADELLI UNA REGISTA ALL'OPERA: DOPO IL VERDI COMICO A MARTINA FRANCA L'ARTISTA VERONESE METTE IN SCENA MARIA CALLAS MASTER CLASS

PER IL COMPLEANNO DI GIORGIO STREHLER A VENT'ANNI DALLA MORTE: 14 AGOSTO 1921