UNA STAGIONE SUL SOFA'- spettacoli in streaming nel week end dai Teatri del Nord Est d'Italia

QUATTRO SPETTACOLI PER IL QUARTO WEEK END DELLA TOURNÉE DIGITALE DEI TEATRI DEL NORDEST ED OLTRE In streaming su Youtube Venerdì 17 aprile Medea di Euripide per la regia di Marco Bernardi sabato 18 aprile Kingdom della compagnia Agrupación Señor Serrano domenica 19 aprile Le variazioni Goldberg di George Tabori e Anomalie di Mauro Covacich diretto da Igor Pison Il viaggio virtuale tra i palcoscenici del Nordest ed oltre prosegue anche questo week end. Per il quarto fine settimana il Teatro Stabile del Veneto, di Bolzano e del Friuli Venezia Giulia a cui si è aggiunto, la scorsa settimana, anche lo Stabile Sloveno continuano la loro tournée digitale per “Una stagione sul sofà” con quattro spettacoli in scena su YouTube e fruibili in streaming. Il Teatro Stabile di Bolzano propone venerdì 17 aprile (ore 20.00) una rilettura del grande classico Medea. Sabato 18 aprile (ore 20.00) spetta al Teatro Stabile del Veneto allietare la serata del pubblico a casa con Kingdom.Per domenica 19 aprile l’offerta culturale raddoppia. Alle ore 18.00 il Teatro Stabile Sloveno porta nelle case degli appassionati Le variazioni Goldberg mentre alle ore 20.00 lo Stabile del Friuli Venezia Giulia presenta il trittico Anomalie.
La tournée digitale prende quindi nuovamente il via venerdì 17 aprile con Medea di Euripide tradotta da Umberto Albini, proposta e prodotta dal Teatro Stabile di Bolzano. Il regista Marco Bernardi, sulle musiche di Dante Borsetto, dà una lettura fortemente innovativa della tragedia greca del V sec. a.C. gli attori della compagnia bolzanina interpretano una storia adattabile ai fenomeni migratori contemporanei. Patrizia Milani (Medea) racconta lo strazio esistenziale dell’extracomunitaria tradita da Carlo Simoni (Giasone), uomo d’affari della City, Chiara Muti (figlia del celebre direttore d’orchestra) è l’archeologa al posto del coro e custode degli orrori rivelati con strazianti litanie, che coinvolgono Mario Pachi (Re Creonte), Libero Sansavini (il pedagogo), Leda Celani (la nutrice), Alvise Battain (il nunzio). Sabato 18 aprile il Teatro Stabile del Veneto porta in tournée digitale Kingdom, lo spettacolo della compagnia catalana Agrupación Señor Serrano, premiata con il Leone d'argento della Biennale di Venezia 2015 e tra le più originali della scena contemporanea. Coprodotto dal teatro Veneto, Kingdom è un cocktail irriverente che mescola banane, consumismo, coreografie virili, spot pubblicitari, punk rock, King Kong, supermercati, crescita, confusione, espansione, multinazionali, scarsità, colpi di stato, bestialità, musica trap e uomini macho in una festa senza fine per raccontare la storia del capitalismo e mostrare i meccanismi che agiscono all'interno del sistema economico e sociale dell'Occidente. Un sistema costruito sulla base di cicli e crisi, consumo e desiderio e all'interno del quale sono state generate tutte le cose desiderabili della nostra società: diritti civili, progresso, sviluppo.
Domenica 19 aprile il viaggio è doppio. Si comincia alle ore 18.00 dallo Stabile Sloveno con Le variazioni Goldberg (sottotitolato in italiano) di George Tabori per la regia di Robert Waltl e l’adattamento drammaturgico di Ivica Buljan. Nel segno dell’acuto umorismo yiddish in un’insolita commedia a sfondo biblico, il testo del tagliente autore del grottesco atto unico Mein Kampf mette in scena storie del Vecchio e Nuovo testamento nell’allestimento di una bizzarra compagnia teatrale. In un teatro di Gerusalemme il regista Jay decide di mettere in scena lo spettacolo più importante della sua vita, coinvolgendo Adamo ed Eva, Caino e Abele, Abramo, Sara e Isacco, il libro di Giona, Mosè, Aronne e la crocifissione di Cristo. Errori e scivoloni attendono la compagnia ad ogni passo, mentre la prima si avvicina inesorabilmente. Il rapporto tra il regista e l’assistente Goldberg suggerisce chiaramente la questione esistenziale del rapporto tra l’uomo e il “Regista” superiore dell’esistenza.
La tournée domenicale continua poi alle 20.00 grazie allo Stabile del Friuli Venezia Giulia con Anomalie. Lo spettacolo dello scrittore triestino Mauro Covacich rappresenta una riflessione universale ed emozionante sul tema della guerra. Ripercorre il conflitto nell’ex Jugoslavia usato per raccontare di atrocità ancora attuali in un trittico che gli attori della Compagnia de Il Rossetti rappresentano in scena guidati da Igor Pison. La guerra è osservata da occhi diversi in balia della violenza, con personaggi accomunati dal fatto di poter diventare in un istante vittime o carnefici, di anelare all’amore o alla morte. Ci sono i ragazzi di Sarajevo che marinano la scuola per giocare a pallacanestro, in un ostinato aggrapparsi alla normalità, sfidando la mira dei cecchini. C’è poi chi sta “dall’altra parte”: un cecchino in cima a un grattacielo che, prima di colpirle, immagina la vita delle sue prede. E poi l’amore di due giovani, cui l’odio di razza e di religione ha rubato anche la speranza. Gli interpreti sono Filippo Borghi, Federica De Benedittis, Andrea Germani, Riccardo Maranzana. 16/04 Nelle foto Marco Bernardi e Mauro Covacich (COMUNICATO STAMPA) bellaunavitaallopera.blogspot.com

Commenti

Post popolari in questo blog

ANDREA ZAUPA: UNA CARRIERA TRA CANTO, MEDITAZIONE E FOTOGRAFIA. INTERVISTA CON IL BARITONO VICENTINO CHE STA PER DEBUTTARE NEL PERSONAGGIO DI SCARPIA

STEFANIA BONFADELLI UNA REGISTA ALL'OPERA: DOPO IL VERDI COMICO A MARTINA FRANCA L'ARTISTA VERONESE METTE IN SCENA MARIA CALLAS MASTER CLASS

PER IL COMPLEANNO DI GIORGIO STREHLER A VENT'ANNI DALLA MORTE: 14 AGOSTO 1921