Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2020

Teatro alla Scala: concerti di riapertura 6-15 luglio

Immagine
Dopo centotrentatré giorni di chiusura, la Scala torna ad aprire le porte al suo pubblico. Dal 6 al 15 luglio la programmazione riprende per 600 spettatori con quattro Concerti Straordinari che vedono alternarsi cantanti di spicco come Francesco Meli, Luca Salsi, Federica Lombardi e Irina Lungu, strumentisti come Beatrice Rana, Mischa Maisky e Patricia Kopatchinskaja, giovani cantanti e musicisti della Filarmonica. I posti disponibili sono ridotti nel rispetto delle ordinanze relative al distanziamento di sicurezza e saranno disponibili in vendita - esclusivamente online - a partire dalle ore 11 di mercoledì 1 luglio. Posti di platea e palco a 48 euro, in galleria a 24 euro, inclusa prevendita. Lunedì 6 luglio 2020, ore 20 Luca Salsi, baritono - Beatrice Rana, pianoforte - Mischa Maisky violoncello I “Sonetti del Petrarca” di Liszt sono al centro di un programma che spazia da un lato nel repertorio cameristico romantico con la più affermata pianista italiana e una leggenda del vilonc

Il TEATRO VERDI DI TRIESTE IN CONCERTO. Terzo appuntamento della rassegna estiva: la Petite Messe Solennelle di Rossini

Immagine
Il terzo appuntamento della rassegna estiva del Teatro Verdi di Trieste si presenta come evento veramente speciale: la Petite Messe Solennelle di Gioachino Rossini diretta dal M° Francesca Tosi, protagonisti il Coro del Teatro Verdi e un quartetto di solisti di caratura straordinaria con voci fra le più famose del panorama internazionale, Giulia Della Peruta, Daniela Barcellona, Antonino Siragusa, Abramo Rosalen. Ultimo componimento di Gioachino Rossini concepita non per un uso ecclesiastico bensì per un contesto domestico d’élite, la Petite Messe Solennelle fu infatti eseguita davanti ad un pubblico d’invitati il 13 marzo 1864 nel palazzo parigino della famiglia Louise Pillet Will, che aveva commissionato il lavoro con intenti intimi e privati. Rossini già nella dedica, che gioca con gentile ironia sui doppi sensi delle parole, preannuncia un impegno per qualcosa di insolito e di ricerca, un congedo che è anche un manifesto per la musica dell’avvenire. Concordemente oggi si

LA MUSICA SENZA BARRIERE CON LE FORMAZIONI DA CAMERA DELL’ORCHESTRA CHERUBINI A RAVENNA FESTIVAL. La rassegna ritorna dall’1 al 30 luglio con un itinerario di tredici concerti che visita le RSA, la Casa Circondariale e il Monastero delle Carmelitane

Immagine
Barriere: non sono mai state tanto reali come quest’anno; stabilite per proteggerci ma inevitabilmente destinate anche a isolarci - dagli altri, dalle esperienze, anche dalla musica. Da questa consapevolezza riparte l’iniziativa La musica senza barriere, per la quale i musicisti dell’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini” - quei giovani che più sono stati colpiti dal prolungato silenzio imposto dalle misure che hanno chiuso teatri e auditorium in tutta la penisola - si esibiscono in RSA della città e della provincia, al Monastero delle Carmelitane, alla Casa Circondariale. Dall’1 al 30 luglio, tra Ravenna, Alfonsine, Cervia, Lugo e Russi una varietà di formazioni da camera - quartetti d’archi e quartetti d’ottoni, sestetto e duo, quintetti e terzetti - propone programmi che spaziano da Telemann a Bach, da Gluck a Mozart, e poi ancora Wagner, Rossini, Verdi, Mascagni, Morricone, compositori contemporanei... Se con l’inaugurazione di Ravenna Festival, sua residenza estiva, l’Orchestra

TRE CAPOLAVORI PER TRE SECOLI CON LA BUDAPEST FESTIVAL ORCHESTRA DIRETTA DA IVÁN FISCHER. Mercoledì 1 luglio, alle 21.30 alla Rocca Brancaleone di Ravenna. In programma Haydn, Wagner e Britten con il soprano austriaco Anna Prohaska

Immagine
Tre capolavori divisi tra Sette, Otto e Novecento. Ci sono suggestioni sonore, sentimentali e poetiche nel concerto che il primo luglio alle 21.30 alla Rocca Brancaleone vedrà impegnata la Budapest Festival Orchestra, fondata nel 1983 da Iván Fischer e da allora ininterrottamente cresciuta sotto la sua guida fino a diventare una compagine sinfonica di riferimento a livello mondiale. Nel programma scelto da Ravenna Festival per ospitare la prima orchestra straniera dopo la riapertura delle frontiere c'è un ideale percorso musicale che dal 1795, data della prima esecuzione londinese della Sinfonia n. 104 di Franz Joseph Haydn, la “London” appunto, arriva al 1939, anno di composizione del ciclo vocale Les Illuminations di Benjamin Britten, basato sull'omonima raccolta di versi e prose poetiche di Arthur Rimbaud. Impreziosisce la serata l'“Idillio di Sigfrido”, il regalo musicale con cui Richard Wagner celebrò il compleanno del 1870 della moglie Cosima e insieme la nascita d

Il Festival di Saint-Denis, alle porte di Parigi, e Le Balcon sono lieti di annunciare per giovedì 2 luglio alle 20 la diffusione del concerto Il Canto della Terra in diretta sui loro siti internet e sulle loro pagine Facebook, oltre che su CultureBox e Mezzo nelle prossime settimane

Immagine
Dans le cadre de sa programmation 2020, le Festival de Saint-Denis avait prévu d’offrir au public un concert original réunissant Le Balcon et Maxime Pascal, partenaires du Festival depuis 2012, les chanteurs Marianne Crebassa et Kévin Amiel, autour d’une version rare du Chant de la Terre de Gustav Mahler réalisée par Arnold Schoenberg pour orchestre de chambre. Le contexte sanitaire a empêché la tenue de ce concert prévu le 11 juin 2020 dans la Basilique de Saint-Denis. En accord avec Mezzo et Culturebox, le Festival de Saint-Denis et Le Balcon sont heureux de vous annoncer sa captation et sa diffusion. Marianne Crebassa retenue en Autriche, c’est la version pour baryton qui a été choisie et elle sera interprétée par Stéphane Degout (initialement programmé pour le concert d’ouverture du Festival aux côtés de John Eliot Gardiner) qui fera une prise de rôle dans cette œuvre emblématique du répertoire. Ce concert filmé dans le cadre majestueux de la Basilique de Saint-Denis sera donc exc

RIPARTIAMO DALL'INIZIO! I TEATRI TRIESTINI APRONO INSIEME IL FESTIVAL TRIESTE ESTATE. BIGLIETTI A NUMERO LIMITATO ALLA BIGLIETTERIA DEL POLITEAMA ROSSETTI

Immagine
Con “Ripartiamo dall’inizio!” una creazione “collettiva” di Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Teatro Stabile Sloveno, La Contrada-Teatro Stabile di Trieste, Teatro Miela, interpretata da una compagnia formata dai loro attori, si apre mercoledì 1 luglio alle 21 la rassegna Trieste Estate promossa dal Comune di Trieste . L’appuntamento è al Bastione Rotondo del Castello di San Giusto (nella foto). Un collage di testi di autori vari - Karl Valentin, Achille Campanile, Angelo Cecchelin, Srečko Kosovel, Italo Svevo, ma anche Carlo Goldoni e Thomas Bernhard - e un cast che raduna, dai maggiori palcoscenici della città, gli attori più applauditi e amati: Ariella Reggio, Laura Bussani, Emanuele Fortunati, Ester Galazzi, Franko Korosec, Alessandro Mizzi, Nikla Panizon, Marzia Postogna. Lo spettacolo farà vivere al pubblico la prima giornata di prove di una neonata compagnia teatrale composta da otto attori di varie formazioni ed esperienze. Un regista, che con strampalat

IN VENDITA I BIGLIETTI PER IL FESTIVAL D’ESTATE 2020 ALL’ARENA DI VERONA

Immagine
Sono già in vendita i biglietti del Festival d’estate 2020 Nel cuore della Musica, che farà risuonare nell’anfiteatro areniano la grande musica lirica e sinfonica per un’estate davvero straordinaria che renderà l’Arena di Verona il cuore pulsante della musica nel mondo. E grazie alla partnership tra Fondazione Arena e la Cooperativa Albergatori Veronesi con Vertour da oggi sarà possibile acquistare, oltre al biglietto, anche la prenotazione alberghiera. Il prezzo dei biglietti varia da 34 a 199 euro, mentre per coloro che desiderano sostenere l’Arena c’è la possibilità di diventare donatori con posti riservati nel primo settore (prezzi da 300 e 500 euro). Per diventare donors è sufficiente scrivere a donors@arenadiverona.it. La Biglietteria di via Dietro Anfiteatro 6/b è nuovamente aperta con i seguenti orari (validi fino al 15 luglio): da lunedì a venerdì dalle 10.30 alle 16.00 e il sabato dalle 9.15 alle 12.45. Per assistenza sugli acquisti online invece è possibile cont

Istituto Italiano di Cultura, Lubiana. On line questa sera dalle ore 20 il film "Gli sdraiati" di Francesca Archibugi

Immagine
Abbiamo il piacere di ricordarvi che questa sera (lunedì 29 giugno), tra le ore 20.00 e le ore 24.00, offriremo una proiezione on line gratuita disponibile esclusivamente nel territorio della Slovenia. L’iniziativa è un’anteprima della terza Settimana del Cinema Italiano nel Mondo, che tornerà poi in presenza dal 16 al 20 settembre alla Slovenska kinoteka. V veselje nam je, da vas lahko spomnimo, da nocoj (ponedeljek, 29. junija) med 20.00 in 24.00 uro ponujamo brezplačno projekcijo na daljavo na razpolago izključno na slovenskem ozemlju. Pobuda je predpremiera tretjega Tedna italijanskega jezika po svetu, ki se v živo vrača med 16. in 20. septembrom v Slovenski kinoteki. Il film prescelto, in lingua italiana con i sottotitoli in sloveno, è Gli sdraiati (Couch potatoes) di Francesca Archibugi (2017), adattamento dell'omonimo libro di Michele Serra interpretato da Claudio Bisio, Gaddo Bacchini, Ilaria Brusadelli e Cochi Ponzoni (per ulteriori informazioni: https://iiclubiana

PORDENONE, A CASA ZANUSSI INIZIA IL 6 LUGLIO IL SECONDO CICLO DI LABORATORI ESTIVI TRA DISEGNO, ATTIVITÀ MOTORIA E TEATRALE, NATURA E SCIENZA!

Immagine
Al via lunedì 6 luglio a Casa Zanussi, il secondo ciclo di laboratori creativi rivolti a due gruppi classe di bambini delle scuole del primo e secondo ciclo Primario, organizzati dal Centro Iniziative Culturali di Pordenone. Ottemperando a tutte le precauzioni sanitarie previste, due nuove settimane, con la conduzione affidata a Marco Sorzio, atelierista, Marco Tonus, cartoonist e a Lis Aganis- Ecomuseo delle Dolomiti Friulane, per una proposta articolata tra disegno, attività motoria e teatrale, natura e scienza. Ben distanziati, in sale ampie e sanificate ma anche e soprattutto negli spazi aperti, dall'orto didattico al giardino di via Concordia addobbato dalle sculture in esposizione, i giovani e giovanissimi, , si possono finalmente ritrovare dopo il lungo lockdown dei mesi passati. Anche per questo secondo ciclo di laboratori – il primo si è concluso nei giorni scorsi – i bambini potranno usufruire del servizio mensa a Casa Zanussi, in postazioni dedicate e perfettamente sic

Covid-19 non ferma Friuli Venezia Giulia Fotografia: inaugura #CHANGE. La trentaquattresima edizione della rassegna organizzata dal CRAF prende il via sabato 4 luglio con la mostra di Alessandro Grassani “Environmental migrants - the last illusion” a San Vito al Tagliamento in provincia di Pordenone

Immagine
La trentaquattresima rassegna FVG Fotografia organizzata dal CRAF decolla. Con le restrizioni post lockdown e il massimo rispetto delle regole, Il Centro Ricerca e Archiviazione della Fotografia inaugura la nuova edizione della storica rassegna in auge dal 1987 e rilancia la cultura attraverso grandi autori. “Abbiamo scelto di costruire un progetto “fisico” che restituisse alle nostre comunità il bisogno di cultura - commenta il direttore del CRAF Alvise Rampini – la fotografia ci offre l’opportunità di trasmettere messaggi sociali importanti capaci di stimolare un comportamento più responsabile nei confronti della natura”. La rassegna, cui è stato attribuito quest’anno il claim strategico #CHANGE, vede la collaborazione della Regione Friuli Venezia Giulia con il sostegno della Fondazione Friuli e il patrocinio dell’Università degli Studi di Udine. La manifestazione si occuperà delle radicali trasformazioni del pianeta, dei cambiamenti climatici e dell’uomo: “Il CRAF utilizza l’a

PORDENONE, ECCO I VINCITORI E LE PREMIAZIONI DEL CONTEST INTERNAZIONALE "EUROPA & GIOVANI" 2020: VENERDI' 3 LUGLIO DALLE 10 CON L'ASSESSORE ALLA CULTURA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA TIZIANA GIBELLI, CONDUCE LA PRESIDENTE LAURA ZUZZI

Immagine
L’irruzione della pandemia Covid-19 nella quotidianità di ciascun individuo, nel lavoro, nelle relazioni sociali, nelle famiglie, ha avuto come effetto la necessità di introdurre un nuovo ragionamento che riguarda anche questioni inderogabili e inevitabili. Un frangente, quello del coronavirus, che assieme alle politiche europee sull’ambiente ha pervaso l’edizione 2020 del Concorso internazionale Europa&Giovani2020/Europe&Youth 2020 promosso dall’Istituto regionale studi europei del Friuli Venezia Giulia, edizione più che mai importante quest’anno per la profondità e la qualità delle riflessioni che i partecipanti hanno proposto nel misurarsi su dodici tematiche che avevano come filo conduttore l’urgenza di riflettere intorno alle sfide ambientali e sociali del nostro tempo. Contributi che rafforzano lo status di Pordenone come capitale dei giovani europei, capace di concentrare su di sé le riflessioni più attuali e pregnanti, nonché lo sguardo e l’attenzione delle nuove genera

O ORIENS, LE ORIGINI DELLA MUSICA: CONCERTO IN DIRETTA STREAMING DALLA BASILICA DI S. VITALE A RAVENNA. Martedì 30 giugno, alle 21.30 su ravennafestival.live l’ensemble La fonte musica nel sito Unesco

Immagine
La Basilica di San Vitale si prepara a ospitare un concerto storico e di grande potenza spirituale. Storico perché l’ensemble La fonte musica diretto da Michele Pasotti suoneranno esclusivamente in dialogo con i mosaici della Basilica, senza pubblico presente; saranno però visibili in diretta gratuita in tutto il mondo sul sito ravennafestival.live (anche on demand fino al 30 luglio) per l’unico appuntamento solo in streaming di Ravenna Festival 2020. In programma le musiche medioevali di Matteo da Perugia, che agli inizi del XV secolo fu il primo magister a cantu del Duomo di Milano, oltre ad alcuni brani del Codice franco-cipriota, una raccolta musicale utilizzata per le nozze della figlia del re di Cipro e di Ludovico di Savoia nel 1434. Questa offerta di rarissimo ascolto e di straordinario interesse storico è una finestra affacciata sulla civiltà europea di fine Trecento e inizio Quattrocento, quando il continente si riprese dalla Peste Nera del 1348, ed è anche l'omaggio d

RAI: DANIELE GATTI TRA CLASSICISMO E NEOCLASSICISMO. Con l’Orchestra Sinfonica Nazionale in diretta su Radio3 e in streaming sul portale di Rai Cultura

Immagine
È intitolato “Classicismo e Neoclassicismo” il primo dei tre appuntamenti dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai con Daniele Gatti, nell’ambito della rassegna “Concerti per la ripresa”. Giovedì 2 luglio alle 20.30, all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino, in diretta su Radio3 e in streaming sul portale di Rai Cultura, il direttore d’orchestra milanese mette a confronto il Classicismo di Wolfgang Amadeus Mozart con il Neoclassicismo novecentesco elaborato da Igor’ Stravinskij. Gatti torna sul podio dell’OSN Rai dopo il successo del suo recente debutto, a gennaio, con la Nona Sinfonia di Mahler. È Direttore musicale dell’Opera di Roma e dell’Orchestra Mozart, ed è Consulente artistico della Mahler Chamber Orchestra. Ha ricoperto incarichi presso orchestre come quella del Concertgebouw di Amsterdam, dell’Accademia di Santa Cecilia, presso la Royal Philharmonic Orchestra e la Royal Opera House di Londra. I Berliner e i Wiener Philharmoniker, la Symphonieorchestrer d

TEATRO VERDI DI PORDENONE, TGVP Open Jazz. DA DOMANI, LUNEDI’ 29 GIUGNO, DISPONIBILI I BIGLIETTI DELLA RASSEGNA DI QUATTRO CONCERTI NEL SEGNO DEL GRANDE JAZZ, I GIOVEDì DI LUGLIO

Immagine
Il Teatro Verdi di Pordenone, che è stata la prima struttura ad aver offerto un concerto a platea vuota in occasione del 15° anniversario della sua inaugurazione, riprende adesso la sua programmazione live con una rassegna d’eccellenza nel segno del jazz. TGVP Open jazz è il titolo di un percorso di quattro appuntamenti che per tutti i giovedì di luglio (9, 16, 23 e 30 luglio) alle 21.00 proporrà alcuni dei nomi più celebri della scena musicale europea e internazionale, da Federico Mondelci a Gabriele Mirabassi fino a David Helbock (nella foto di Joanna Wizmur), per citarne alcuni, e con la partecipazione di musicisti che si sono formati e hanno mosso i primi passi nella nostra regione. I biglietti saranno disponibili da domani, lunedì 29 giugno, in Biglietteria e on-line, acquistabili anche con l’utilizzo dei voucher-rimborso. Biglietti € 18 e una speciale promozione per gli Under20 € 10. Informazioni: tel 0434 247624 biglietteria@comunalegiuseppeverdi.it - www.comunalegiuseppeve

ET MANCHI PIETÀ: RITRATTO DI ARTEMISIA GENTILESCHI PER MUSICA E VIDEO. Lunedì 29 giugno, alle 21.30 alla Rocca Brancaleone di Ravenna, l’ensemble Accademia d’Arcadia in un programma barocco

Immagine
Tredici grandi quadri, tredici stazioni di una vita sposano altrettanti brani musicali barocchi che ne traducono gli umori melanconici, violenti, esuberanti: lunedì 29 giugno, alle 21.30 alla Rocca Brancaleone, Et manchi pietà celebra vita e arte della pittrice caravaggesca Artemisia Gentileschi, specchiando le pagine musicali nel gesto pittorico. La narrazione unisce video e musica dal vivo, grazie al sodalizio fra la compagnia Anagoor, Leone d’argento alla Biennale di Venezia 2018 nella sezione Teatro, e l’ensemble Accademia d’Arcadia, guidato da Alessandra Rossi Lürig alla spinetta e affiancato dal soprano Silvia Frigato. Che pittura e musica possano incontrarsi in scena non deve stupire: Artemisia fu anche liutista ed ebbe occasione di intrattenere rapporti epistolari con importanti compositori del proprio tempo. Ed è proprio lungo il fil rouge di quegli autori – tra cui anche Claudio Monteverdi e Barbara Strozzi – che si dipana il viaggio dell’artista da Roma attraverso le dive

Ultimo appuntamento live organizzato dal Centro di ricerca e archiviazione della fotografia di Spilimbergo con i grandi maestri dell’obiettivo. Lunedì 29 giugno “Positivi al cambiamento” con Alessandro Grassani

Immagine
Si conclude lunedì 29 giugno alle 19.00 “Venti minuti con il CRAF”, il format di live talks su facebook ideato dal Centro Ricerca e Archiviazione della Fotografia di Spilimbergo. A chiudere la prima serie di incontri sarà il fotografo Alessandro Grassani, autore del progetto “Environmental migrants – the last illusion” che il CRAF ha selezionato per la 34esima edizione della rassegna Friuli Venezia Giulia Fotografia. La mostra, già esposta a New York al Palazzo delle Nazioni Unite, sarà visitabile gratuitamente nella chiesa di San Lorenzo a San Vito al Tagliamento dal 4 luglio al 6 settembre. “Ci prepariamo al primo grande evento della rassegna – afferma il direttore Alvise Rampini – questo incontro live ci aiuterà a presentare l’autore al nostro pubblico”. L’appuntamento online, intitolato “Positivi al cambiamento”, al quale parteciperanno anche il responsabile delle pagine Cultura & Spettacoli del Messaggero Veneto, Oscar D’Agostino, e il direttore del CRAF, costituisce un’ant

PER L’ALTO SALE - IL TREBBO IN MUSICA. OMAGGIO A FEDERICO FELLINI CON L’ITALIAN JAZZ ORCHESTRA E SIMONE ZANCHINI. Ravenna Festival a Cervia - Milano Marittima presenta domenica 28 giugno alle 21.30 all’Arena dello Stadio dei Pini, musiche di Nino Rota

Immagine
“Rimango ammirato e sgomento quando vedo che Nino invece abita totalmente questa specie di galassia armoniosissima”: Nino è Rota e chi parla è Federico Fellini, sorpreso dalla consuetudine dell’amico fraterno con la musica, che per il regista riminese invece “agisce a un livello così profondo, inconscio, da diventare pericolosa”. Domenica 28 giugno alle 21.30 all’Arena dello Stadio dei Pini, con la rassegna Per l’alto sale - Il Trebbo in musica 2.0 Ravenna Festival invita il pubblico ad immergersi nell’universo felliniano attraverso le musiche di Nino Rota, compositore di quasi tutte le colonne sonore dei film di Fellini, da Lo sceicco bianco a Prova d’orchestra. L’omaggio in occasione del centenario della nascita del regista è affidato all’Italian Jazz Orchestra diretta da Fabio Petretti, cui il Festival ha commissionato gli arrangiamenti, e alla camaleontica fisarmonica di Simone Zanchini. Dopo Tonino Guerra e Pellegrino Artusi, il trittico di omaggi a “eroi” della Romagna non p

PER BEETHOVEN: VALERY GERGIEV, BEATRICE RANA E L’ORCHESTRA CHERUBINI. Domenica 28 giugno, alle 21.30 alla Rocca Brancaleone di Ravenna, in programma il Terzo Concerto e la Pastorale

Immagine
Lui è uno dei direttori d’orchestra più affezionati a Ravenna Festival, esemplare ambasciatore della grande tradizione russa e dell’impeto interpretativo che la contraddistingue; lei quando siede al pianoforte è sinonimo di perfetto controllo e profonda poesia; loro sono già diventati protagonisti di quel ritorno alla musica dal vivo che per il Festival passa anche, e soprattutto, dalla nuova generazione. E poi c’è lui, il titano Beethoven, che compie 250 anni. Domenica 28 giugno, alle 21.30 alla Rocca, Valery Gergiev è sul podio dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini per il Terzo Concerto, con Beatrice Rana al pianoforte, e per la Pastorale. Questa dedica all’universo sinfonico del compositore di Bonn è anche il primo incontro in palcoscenico fra Gergiev, che ha voluto subito confermare la propria partecipazione a questa reinventata XXXI edizione, e Rana, che ha scelto proprio la manifestazione ravennate, di cui sarà ospite per la prima volta, per il ritorno sulle scene dopo il l