Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2020

TEATRO VERDI, SBARCATO A PORDENONE IL PRIMO GRUPPO DELLA GUSTAV MAHLER JUGENDORCHESTER. EVENTI MUSICALI A PORDENONE DOMENICA 16 NEL CENTRO STORICO; LUNEDÌ 17 A LIGNANO (DUOMO DI SAN GIOVANNI) E MARTEDÌ 18 A TRIESTE

Immagine
Arrivano da dieci Paesi europei (Lituania, Germania, Spagna, Francia, Italia, Austria, Svizzera, Polonia, Slovenia, Portogallo) e sono più talentuosi musicisti al mondo: anche in un periodo difficile come questo si è riusciti a rinnovare, e rilanciare con un raddoppio della durata, la residenza a Pordenone della Gustav Mahler Jugendorchester, quest’anno al Teatro Verdi in esclusiva europea. Da poco giunto a Pordenone il primo gruppo (saranno due le diverse formazioni orchestrali da 40 elementi ciascuna, per un totale di 80 musicisti), i giovani musicisti selezionati per l’Orchestra fondata da Claudio Abbado affronteranno come usuale un percorso formativo esclusivo, con una preparazione di altissimo livello utile per l’accesso alle principali Orchestra mondiali. Grazie al lavoro del Presidente Giovanni Lessio e del consulente artistico Maurizio Baglini - pianista di fama internazionale che i vertici della GMJO hanno voluto anche come coordinatore musicale insieme ad Alexander Meravigli

PORDENONELEGGE ESPLORA IL RACCONTO: DA MORAVIA, RIPUBBLICATO NEI 30 ANNI DALLA SCOMPARSA (26 SETTEMBRE 2020) AL GIALLO CON CROVI-PERISSINOTTO, AL DOPO NOVECENTO CON FRANCESCO PICCOLO, GABRIELE PEDULLA', ROSSELLA MILONE, MATTEO BUSSOLA. ANDREA SEGRE' APRE ALLA 'SPECULATIVE NON FICTION'

Immagine
Nel festival che esplora a 360 gradi il libro e la narrazione letteraria non può mancare un focus sul racconto, inteso non come arte minore ma come una forma di scrittura che sa emozionare il lettore in un tempo più breve, e merita quindi di essere indagata e (ri)scoperta. Pordenonelegge 2020, in cartellone dal 16 al 20 settembre, lo fa attraverso un percorso curato in sinergia con il Fuis - Federazione Unitaria Italiana Scrittori, con la partecipazione del Fondo Moravia e di Federintermedia: si parte nella giornata inaugurale del festival, mercoledì 16 settembre nello Spazio Gabelli alle 11.30, con l’incontro che ci proietterà “Da Moravia ad oggi”, per esplorare i racconti di Alberto Moravia, che hanno ottenuto lo scandalo e lo Strega, e che ci invitano a un confronto, letterario e non, fra la Roma di ieri e quella di oggi. In occasione della riedizione dei racconti di Moravia, ripubblicati da Bompiani in edizione speciale a trent’anni dalla scomparsa del grande scrittore, si confront

GRANDE SUCCESSO PER LA STAGIONE ESTIVA DEL TEATRO DELL’OPERA DI ROMA AL CIRCO MASSIMO Incassi per un milione di euro per un totale di 23 mila biglietti venduti

Immagine
Si è conclusa con un bilancio straordinario la stagione estiva del Teatro dell’Opera di Roma 2020. Questa estate l’attesissimo appuntamento si è trasferito nello scenario archeologico del Circo Massimo con una programmazione come sempre caratterizzata da un’offerta di eccellenza, a iniziare dalla nuova produzione di Rigoletto con la direzione di Daniele Gatti e la regia di Damiano Michieletto. Ventuno serate fra opere, balletto e concerti, accolte con grande favore dal pubblico, per una edizione che rimarrà storica. Il nuovo teatro è stato progettato e realizzato in un solo mese, nel pieno rispetto delle norme anti-Covid, garantendo il distanziamento interpersonale e la massima sicurezza di spettatori, musicisti e tecnici. Gli incassi sono stati pari a 977.000 euro per un totale di 22.918 spettatori. “Quest’anno – ha dichiarato la sindaca Virginia Raggi, presidente della Fondazione Teatro dell’Opera di Roma – la stagione estiva dell'Opera di Roma al Circo Massi

LIGNANO, INCONTRI CON L’AUTORE E CON IL VINO: GIOVEDI’ 13 AGOSTO PROTAGONISTA MAURO CORONA CON LE SUE STORIE SULLA NATURA E LA MONTAGNA

Immagine
L’appuntamento ferragostano degli "Incontri con l'Autore e con il vino" di Lignano Pineta, da anni ormai, è caratterizzato dalla presenza di Mauro Corona. Giovedì 13 agosto alle 18.30, al Palapineta nel Parco del Mare, lo scrittore sarà protagonista di un one man show condotto dal giornalista Gian Paolo Polesini. L’autore, alpinista e scultore di Erto, da tempo celebre anche per i suoi duetti televisivi con Bianca Berlinguer, non mancherà di riflettere, col suo stile dissacrante, sulle contraddizioni della contemporaneità, senza perdere di vista le tematiche a lui care: la letteratura e la montagna. Alla fine, come di consueto, degustazione guidata a cura dell’enologo Michele Bonelli della Ribolla Gialla dell’azienda agricola Scarbolo di Cividale del Friuli (Ud). Un vino spumante fresco, fragrante, di buona acidità e struttura, con sfumature agrumate. Dal profumo delicato con complesse note floreali e fruttate che ricordano fiori freschi e frutti come pesca e pompelmo. P

L’OPERA DI ROMA RIAPRE A SETTEMBRE. IN AUTUNNO OPERA, BALLETTO E CONCERTI. UNA NUOVA PRODUZIONE DI ZAIDE DI MOZART DIRETTA DAL MAESTRO GATTI PER LA REGIA DI GRAHAM VICK. Dal 28 agosto una serie di concerti con Orchestra e Coro

Immagine
A settembre, a causa del perdurare dello stato di emergenza, sono annullati gli spettacoli Notre-Dame de Paris di Roland Petit in cartellone dal 24 settembre al 1 ottobre, The Rake’s Progess e l’oratorio Oedipus Rex di Igor’ Stravinskij, rispettivamente in scena dal 18 al 29 ottobre e il 23 e 24 ottobre. A ottobre, in sostituzione delle produzioni annullate, continua la sfida del Teatro dell’Opera con la terza produzione pensata in chiave anti-Covid, dopo Rigoletto e il balletto Le quattro stagioni: per la prima volta al Costanzi Zaide di Mozart con la direzione del maestro Daniele Gatti per la regia di Graham Vick. A settembre è prevista anche la ripresa del balletto Le quattro stagioni, mentre rimane confermata a novembre La traviata con la regia di Sofia Coppola e i costumi di Valentino. Il programma si arricchisce, già da agosto, di una serie di concerti con l’Orchestra e il Coro del Teatro dell’Opera di Roma, e la partecipazione dei cantanti di “Fabbrica&quo

VIVALDI E IL GENIO PIROTECNICO DI ROSSINI: BRIO E PRIME VOLTE ALL’ARENA DI VERONA. Perle inedite, stelle del belcanto ed effetti speciali straordinari per il Rossini Gala mentre è già quasi sold-out il debutto areniano delle Quattro stagioni. Vivaldi e la Musica veneta - giovedì 13 agosto, ore 21.30. Rossini Gala - venerdì 14 agosto, ore 21.30

Immagine
Fine settimana scoppiettante al Festival d’estate 2020: giovedì 13 agosto debuttano le Quattro stagioni e la musica veneta del ‘700 dirette da Alvise Casellati e Giovanni Andrea Zanon al violino mentre venerdì 14 l’anfiteatro si accende di luci e fuochi d’artificio per l’inedito Rossini Gala, con le pagine più belle tra capolavori buffi e grand-opéra; il giovane maestro Jader Bignamini dirige Orchestra e Coro dell’Arena e un cast internazionale di giovani stelle guidato da Lisette Oropesa. L’edizione straordinaria del Festival areniano offre nel 2020 altre due serate memorabili che ampliano l’offerta artistica della Fondazione Arena e catturano la curiosità del pubblico. È stato il caso del commosso Requiem mozartiano, eseguito lo scorso 31 luglio, e lo sarà per il concerto del 13 agosto, quando per la prima volta risuoneranno nell’anfiteatro veronese le note dei grandi compositori veneti del ‘700, dirette dal padovano Alvise Casellati che debutta sul podio estivo dell’Arena. Casel

DIAMO UN TAGLIO ALLA SETE MERCOLEDI 12 AGOSTO ALLE 21 PARCO DELLA CANTINA “I COMELLI" A NIMIS (UD) I ¿CUINON? IN CONCERTO SOTTO LE STELLE PER DARE “UN TAGLIO ALLA SETE”

Immagine
L'emergenza Covid non è riuscita a fermare il progetto di “Diamo un taglio alla sete”, il vino che grazie ad una grande gara di generosità si trasforma in pozzi di acqua potabile realizzati in Africa dal missionario friulano Dario Laurencig. L'imbottigliamento, che dal 2007 allo scorso anno è stato al centro di una grande festa che si svolgeva il mese di maggio, con un numero di presenze salito di anno in anno fino a superare le 1.500 unità, si è svolto quest'anno in forma privata, nello scorso mese di luglio. E' mancato il pubblico, ma non sono mancati all'appello i generosi sponsor (vignaioli in primis) grazie ai quali sono state prodotte oltre 4300 bottiglie di "Vitae bianco" e "Vitae Rosso" e 350 grandi formati (da 1,5 e 5 litri) che per gli appassionati sono diventati nel corso dell'anno veri e propri oggetti di culto. L'assaggio dei vini della solidarietà (non sono in vendita, vengono distribuiti a fronte di offerte a favor

PORDENONELEGGE POESIA, 10 NUOVI TITOLI FIRMATI INSIEME A LIETOCOLLE. 4 NOVITA’ DELLA COLLANA GIALLA E 5 DELLA GIALLA ORO, PIU' LA “GIALLA DELLA MEMORIA” DEDICATA A GIOVANNA SICARI

Immagine
Torna in libreria La Gialla, appuntamento fra i più attesi con la nuova scena poetica italiana. È la collana fondata da pordenonelegge in veste di editore, impegnato insieme a Lietocolle nella valorizzazione delle voci emergenti della poesia: sono opere che offrono esordi o consolidano voci poetiche già note, riunite in una comune intenzione, che è ancora una volta quella di “dare credito alla poesia”. Tutti i volumi saranno presentati a pordenonelegge 2020, dal 16 al 20 settembre. Info e dettagli pordenonelegge.it. Le 4 nuove pubblicazioni della Gialla sono firmate da talenti della “meglio gioventù’” della poesia italiana e sono tutte disponibili anche in formato ebook sul sito , così come i precedenti volumi pubblicati, in tutto adesso oltre una trentina. «La Gialla continua a darci grandi soddisfazioni – spiega Gian Mario Villalta, direttore artistico di pordenonelegge e curatore della collana con Michelangelo Camelliti, Augusto Pivanti e Roberto Cescon – le 29 pubblicazioni finora

La Gustav Mahler Jugendorchester in residenza al Teatro Verdi di Pordenone in esclusiva europea

Immagine
Dal 12 al 31 agosto la residenza a Pordenone dell’Orchestra più importante d’Europa si esprimerà in un intenso ed esclusivo programma di attività, un filo rosso musicale che attraverserà l’intera Regione Friuli Venezia Giulia, da Lignano a Trieste. Diretta dal giovane Tobias Wögerer, la GMJO si esibirà con ospiti internazionali: il soprano tedesco Angela Denoke, il trombettista spagnolo Martín Baeza-Rubio e il pianista Maurizio Baglini. In un momento decisamente critico per la musica e lo spettacolo dal vivo, il Teatro Verdi di Pordenone rafforza la collaborazione che già da quattro anni lo unisce alla Gustav Mahler Jugendorchester. Oltre a rilanciare la partnership con la GMJO, il Teatro Verdi raddoppia il periodo di residenza artistica che vedrà l’Orchestra giovanile più importante d’Europa protagonista in città per ben tre settimane, con un intenso programma di iniziative che preludono i due concerti conclusivi previsti il 29 e 30 agosto, diretti dal ventinovenne maestro au

Il Jazz a stelle e strisce di Andrea Dulbecco e Mauro Costantini a Teatro Estate 2020. Il duo si esibirà sul palco all’aperto del Giovanni da Udine mercoledì 19 agosto 2020 con inizio alle ore 21. Da Cole Porter a George Gershwin, Duke Ellington, Dizzy Gillespie e molti altri giganti del genere

Immagine
Dopo la pausa ferragostana, mercoledì 19 agosto 2020 alle 21.00 Teatro Estate riparte a tutta musica con l’arrivo di Just American Jazz standards e due autentici fuoriclasse del genere, Andrea Dulbecco e Mauro Costantini. Al centro dell’attesa esibizione live del duo si pone l’immenso patrimonio artistico costituito da quelle composizioni che vengono comunemente definite standard songs americane e che rappresentano il repertorio comune a tutti gli appassionati di musica jazz. Un repertorio che, nella performance di Dulbecco e Costantini, spazierà da Cole Porter a George Gershwin Duke Ellington e Dizzy Gillespie senza dimenticare altri grandissimi come Vincent Youmans, Richard Rodgers, Jimmy Giuffre, Hoagy Carmichael e Jim Hall. Molto particolari gli strumenti con cui i due artisti, colti improvvisatori con una solida preparazione accademica alle spalle, si cimenteranno sul palcoscenico: marimba e vibrafono saranno infatti il territorio sonoro di Andrea Dulbecco, eccezionale solis

La Biennale di Venezia / Danza Musica Teatro per i Biennale Days / 26, 27, 28 agosto 2020 negli spazi all’aperto dei Giardini della Biennale

Immagine
Tre giorni di danza musica e teatro, 26, 27, 28 agosto, con i giovani artisti di Biennale College, tra performance coreografiche, dj set e improvvisazioni guidate sotto il segno del dialogo fra le arti. Sono i Biennale Days, che i direttori delle arti dal vivo – Marie Chouinard, Ivan Fedele, Antonio Latella – hanno ideato come incipit delle manifestazioni della Biennale di Venezia che proseguiranno non stop fino al 25 ottobre. I Biennale Days, che invitano il pubblico della città negli spazi all’aperto dei Giardini della Biennale, si svolgeranno secondo il seguente calendario: 26 agosto – Elogio della dimenticanza di Antonio Latella (Teatro) ore 10.00 > 20.00 Ad aprire i Biennale Days è il teatro: in scena Antonio Latella e sette attori che coprono varie fasce di età - Giovanni Franzoni, Caterina Carpio, Emiliano Masala, Alessandro Bandini, Giulia Mazzarino, Mariasilvia Greco, Barbara Mattavelli - impegnati nella creazione di un’improvvisazione in contatto diretto con il pubbl

PORDENONE: domani SABATO 8 AGOSTO AL PARCO MUSEO ARCHEOLOGICO CASTELLO DI TORRE, IL CONCERTO OMAGGIO A ENNIO MORRICONE CON IL DUO ROBERTO FABBRICIANI / DIEGO CAL. PER LA RASSEGNA UN FIUME DI NOTE

Immagine
Un Fiume di Note – la rassegna musicale realizzata da Piano FVG e Il Distretto Culturale del Friuli Venezia Giulia con il Comune di Polcenigo e curata da Dory Deriu Frasson e Davide Fregona – prosegue sabato 8 agosto alle 20.45 al Parco Museo Archeologico Castello di Torre a Pordenone, con una produzione esclusiva: il concerto “Dedicato a Ennio Morricone” con l’inedito connubio tra il flauto di Roberto Fabbriciani e la tromba solista di Diego Cal, virtuosi dello strumento che per l’occasione propongono un originale duetto di fiati di straordinaria e peculiare sonorità. Il concerto rende omaggio al grande compositore recentemente scomparso. Dopo una breve introduzione in ricordo del Maestro, si avvicenderanno brani appositamente arrangiati e originali tratti da colonne sonore di celebri film quali “Mission”, “C’era una volta in America” “Canone inverso”, canzoni e musica “pura” quali la “Cadenza” per flauto e nastro magnetico del 1988 e la musica del film “La Gabbia” del 1985, scritte

IL CONCERTO CHE VORREI: DOMANI SULLE FREQUENZE DI RAI RADIO 1 FRIULI VENEZIA GIULIA, PUNTATA SULLE "INFLUENZE POPOLARI". OSPITE DAVIDE PITIS

Immagine
Prosegue sabato 8 agosto alle 11.30 sulle frequenze di Rai Radio1 Friuli Venezia Giulia, Il concerto che vorrei, il programma curato a quattro mani dal regista Rai Mario Mirasola con il musicologo e critico musicale Marco Maria Tosolini. Un format innovativo, capace di coinvolgere un nutrito gruppo di studenti del Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste nella ricerca e ritrovamento di tanti tesori musicali custoditi nell’archivio e nella nastroteca della sede RAI del Friuli Venezia Giulia. Nella puntata di sabato 8 agosto, partendo da un ascolto sconosciuto ai più, gli allievi Stefano Pastorcich e Simone Sette faranno scoprire le influenze che la musica popolare trasmette a molti compositori con momenti esemplari di brani rivenuti negli archivi RAI. Dall'Italia al Giappone, passando poi dall'Ungheria all'Azerbaijan. Ad accompagnarli il Maestro Davide Pitis, noto compositore e direttore d'orchestra e di coro, docente di Teoria della musica del Conservatorio Tartini d

Macerata Opera Festival 2020 #biancocoraggio si avvia alla conclusione raggiungendogli obiettivi prefissati di programmazione, impiego e pubblico Arrivederci al 2021 #100x100sferisterio con Aida, Il barbiere di Siviglia e La traviata

Immagine
L’edizione 2020 del Macerata Opera Festival, rimodulata lo scorso mese di maggio, si è aperta allo Sferisterio il 18 luglio con Don Giovanni di Mozart (sul podio Francesco Lanzillotta con la regia di Davide Livermore) e si concluderà domenica 9 agosto con il concerto di Simone Cristicchi “Il coraggio di adesso”, dedicato a una rappresentanza degli operatori sanitari dell’Area Vasta 3. Un’edizione #biancocoraggio sotto tutti i punti di vista, che ha riunito nell’antica arena maceratese per tre settimane oltre 10mila biglietti venduti (superando quindi l’obiettivo dichiarato dal sovrintendente Luciano Messi in esordio) per 18 serate – Don Giovanni in forma scenica sempre sold out, la positiva esperienza dell’opera in forma di concerto con Il trovatore, le tre serate sold out di Palco Reverse, i concerti e gli spettacoli crossover – oltre ai numerosissimi appuntamenti in città e sul territorio (una quarantina, compresa la prima assoluta di Bia. Un passo nuovo, una parola propria, pr

PORDENONELEGGE: DA OGGI È ONLINE IL PROGRAMMA DELLA VENTUNESIMA EDIZIONE. CON IL NUOVO FESTIVAL DIFFUSO: 14 INCONTRI IN 7 CENTRI DELLA PROVINCIA: AZZANO DECIMO, CASARSA DELLA DELIZIA, CORDENONS, MANIAGO, SACILE, SAN VITO AL TAGLIAMENTO, SPILIMBERGO

Immagine
È online da questa mattina il programma di pordenonelegge 2020, 21^ edizione della Festa del Libro con gli Autori. Nell’anno più delicato per il mondo, si rinnova l’appuntamento con il festival dedicato al libro: sullo storico sito del festival pordenonelegge.it il programma si potrà sfogliare e scoprire giorno per giorno, dal 16 al 20 settembre, con le novità, le anteprime, le grandi ospitalità internazionali e con gli accorgimenti presi a garanzia della sicurezza e della prevenzione. Meno autori, quindi - oltre 200 - meno incontri – 120, quest’anno - e un numero più ristretto di location in città, ma anche, per la prima volta, un festival diffuso con sette nuove sedi in provincia: sette comuni - Azzano Decimo, Casarsa della Delizia, Cordenons, Maniago, Sacile, San Vito al Tagliamento e Spilimbergo - chiamati ad ospitare grandi autori e grandi incontri, aprendo i loro spazi al pubblico di pordenonelegge, previa la prenotazione per tutti obbligatoria. Con il valore aggiunto di una plat

TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA: LA STAGIONE 2020 RIPARTE AL PALADOZZA. Riapertura il 21 settembre con il concerto diretto da Juraj Valčuha; solista Valeriy Sokolov. Gabriele Lavia mette in scena l’Otello di Verdi appositamente per il nuovo spazio, tenendo conto delle regole anti-Covid; sul podio Asher Fisch

Immagine
Dal prossimo autunno il Teatro Comunale di Bologna avrà un nuovo palcoscenico al PalaDozza e la Stagione 2020 potrà così ripartire in sicurezza con tutti e tre i suoi principali cartelloni: opera, sinfonica e danza. Sono confermati molti degli appuntamenti già programmati per la stagione autunnale, sono previsti numerosi recuperi di spettacoli sospesi negli scorsi mesi e non mancano nuove proposte. «Dopo la positiva riapertura nel teatro ripensato con la rassegna “L’estate del Bibiena” – dice il Sovrintendente Fulvio Macciardi – il Comunale guarda al futuro organizzandosi in luoghi nuovi per superare le contingenti restrizioni. Abbiamo realizzato un importante lavoro tecnico-logistico per ottenere una qualità elevata dal punto di vista sonoro, inserendo una camera acustica virtuale, e per creare degli spazi adatti alle esigenze dei nostri spettacoli, nel rispetto delle norme anti-Covid». «Ringrazio il Teatro Comunale di Bologna e Bologna Welcome per l'impegno nell