Post

Pordenonelegge 2018: grandi autori "allo specchio". Al festival le novità di firme internazionali e italiane che, raccontando, “si raccontano”

Immagine
Lisa Halliday e “Asimmetria”, l’opera prima dell’autrice che adesso vive a Milano e che in filigrana ripercorre nel libro la sua relazione con Philip Roth. Ala Al Aswani con il nuovo romanzo “Sono corso verso il Nilo” torna a Piazza Tahir e ai giorni della Primavera Araba che in prima persona aveva intensamente vissuto. Otto anni alla Casa Bianca accanto al Presidente scorrono nel libro di David Litt : “Grazie, Obama. Memorie semiserie di un giovane scrittore di discorsi”. Anche Oscar Farinetti ci stupisce con “Quasi”, un libro di versi, disegni e favole in cui racconta il suo mondo di fantasia e tenacia attraversando i temi che gli appartengono e gli sono più cari. E poi Sujeev Sahota e il suo “Anno dei fuggiaschi” che riflette le speranze e le paure delle ultime generazioni di immigrati indiani, Predrag Finci ripercorre l’esilio come dolorosa via maestra alla sopravvivenza, Prabda Yoon prova a ricostruire un mosaico attualissimo della sua Thailandia. Jami Attemberg offre il ritratt…

Riflessione di Giovanni Boer, Parroco di Santa Eufemia e Santa Tecla a Grignano - XX Domenica del Tempo Ordinario Anno B - Gv 6,51-58

Immagine
“Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”. Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: “Come può costui darci la sua carne da mangiare?”. Gesù disse loro: “In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno”. Gesù disse queste cose, insegnando nella sinagoga a Cafàrnao. Carissime e carissimi miei, è la “terza puntat…

NOVITÀ SUL PODIO DI AIDA PER L’OPERA FESTIVAL 2018. Prima recita per Battistoni e Fraccaro, ultima per Maria José Siri

Immagine
Domenica alle 20.45 il direttore d’orchestra Andrea Battistoni fa il suo debutto stagionale in Aida per la tredicesima rappresentazione del Festival 2018. Per le ultime recite del capolavoro verdiano, dopo il successo de Il Barbiere di Siviglia, torna sul podio il giovane maestro veronese dalla carriera internazionale. I complessi artistici areniani da lui guidati sono impegnati nell’aureo allestimento di Franco Zeffirelli, che firma regia e scene, con i costumi di Anna Anni e le coreografie di Vladimir Vasiliev. Sul palcoscenico un cast di grandi conferme con qualche novità, a cominciare dal Radamès del tenore Walter Fraccaro, già apprezzato in Carmen, che affianca l’applauditissima Maria José Siri, giunta alla sua ultima recita come Aida, ruolo che ne ha consolidato il successo personale e l’affetto del grande pubblico. Un’altra conferma è il mezzosoprano Judit Kutasi, che interpreta Amneris e che, a poche sere dal debutto all’Arena di Verona, raccoglie un consenso sempre crescent…

70ª Stagione Lirica dell’Ente Luglio Musicale Trapanese. Aida di Giuseppe Verdi. Domenica 19 alle 21 al Teatro Open Air “Giuseppe Di Stefano”

Immagine
Domenica 19 agosto, alle ore 21.00, al Teatro “Giuseppe Di Stefano”, a Trapani, con l’opera “Aida” di Giuseppe Verdi, andata in scena nei mesi scorsi in Tunisia all’Anfiteatro Romano di El Jem e all’Anfiteatro di Cartagine, continua la 70ª stagione lirica dell’Ente Luglio Musicale Trapanese. Adesso la macchina organizzativa del Luglio Musicale, che sta ottenendo un grande successo di pubblico e critica, si appresta a vivere un momento di grande valore artistico all'insegna della qualità. Partner di alto profilo, per questo progetto di cooperazione culturale transfrontaliera che ha visto il Luglio Musicale collaborare con l’Ambasciata d'Italia e l’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi, il Ministero degli Affari Culturali della Tunisia, il Festival International de Carthage, il Théâtre de l’Opéra de Tunis, il Festival International de Musique Synfonique d'El Jem, l’Orchestre Symphonique Tunisien, l’Orchestre de l’Opera de Tunis, il Choeur de l’Opera de Tunis, il Ballet d…

Sabato 25 agosto al Castello di Miramare l'ultimo giardino segreto di Zaubergarten

Immagine
Irene Pauletto arpa Sabato, 25 Agosto 2018 Ore: 20:00 Musiche di Camille Saint-Saens, Domenico Scalatti, Félix Godefroid, Franco Mannino, Marcel Tournier, Pearl Chertok Nata nel 1999, ha iniziato lo studio dell’arpa a 6 anni presso la scuola di musica della Fondazione musicale Santa Cecilia di Portogruaro con il M° Nicoletta Sanzin dove si è diplomata nel settembre 2017 con 10, lode e menzione speciale. Si è inoltre perfezionata con Mario Falcao, Letizia Belmondo e Patrizia Tassini. Ha partecipato a vari incontri musicali: Convegno Nazionale Metodo Suzuki nel 2009; Arpissima nel 2007 e 2012; Corso Internazionale di Perfezionamento di Portogruaro dal 2011 in poi; Workshop di Arpa Jazz tenuto dal M° Marcella Carboni nel 2017. Ha ottenuto primi premi in concorsi nazionali e internazionali: nel 2011 e nel 2012 al Concorso Internazionale “Musica Insieme” di Musile di Piave; nel 2012 al Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale di Alice Bel Colle; nel 2013 al Concorso Nazionale di…

Dal 19 alla Fenice Gregory Kunde dirige Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini nel ricordo di Tullio Serafin

Immagine
Gregory Kunde dirige Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini al Teatro La Fenice. Con questo evento riprende dopo la pausa estiva la programmazione lirica del Teatro veneziano: il capolavoro comico del compositore di Pesaro sarà infatti riproposto nel collaudato allestimento firmato dal regista Bepi Morassi con le scene e i costumi di Lauro Crisman e le luci di Vilmo Furian, e con il celebre tenore impegnato nella veste di direttore dell’Orchestra e Coro del Teatro La Fenice. La prima, in programma domenica 19 agosto 2018 alle ore 19.00, si inserisce nell’ambito delle celebrazioni in memoria di Tullio Serafin istituite, nel cinquantesimo anniversario della morte del maestro, dall’Archivio storico Tullio Serafin. Seguiranno le repliche il 24, 26 e 29 agosto, il 27 settembre, il 4, 6, 20 e 24 ottobre 2018. Composta in poche settimane su un libretto di Cesare Sterbini tratto dalla commedia Le Barbier de Séville ou La précaution inutile di Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais (Pari…

STASERA IN ARENA TERZA RECITA DE IL BARBIERE DI SIVIGLIA. Domani ultima volta di Nabucco per il Festival 2018

Immagine
Stasera alle 20.45 va in scena il capolavoro buffo di Rossini nell’allestimento di Hugo de Ana con la direzione del maestro veronese Andrea Battistoni. Domani sera invece Nabucco di Giuseppe Verdi vede la sua ultima rappresentazione nella produzione colossal di Arnaud Bernard. Cambio di cast per la terza rappresentazione de Il Barbiere di Siviglia stasera all’Arena di Verona, a cominciare dalla bacchetta che da stasera passa al giovane direttore d’orchestra veronese Andrea Battistoni. Nei panni di Figaro troviamo per la prima volta il baritono Mario Cassi, impegnato ad aiutare il Conte d’Almaviva a conquistare la bella Rosina: la coppia è interpretata dal tenore Leonardo Ferrando, al suo esordio areniano, e dalla bellissima e frizzante Nino Machaidze. Si conferma Carlo Lepore nel ruolo del buffo irresistibile Bartolo, mentre il giovane basso Romano Dal Zovo debutta nel ruolo di Basilio. A completare il cast sono dispiegate altre grandi voci: Manuela Custer come Berta, Nicolò Ceriani…