AL CASTELLO DI SORAGNA IN PROVINCIA DI PARMA FESTA GRANDE DELLA MUSICA

Festa Grande della Musica al magnifico Castello di Soragna, residenza storica del Principe Diofebo Meli Lupi di Soragna, dove è stato ospitato uno straordinario concerto lirico offerto da Adolfo (Dodo) Frattaglia presidente dell’Associazione Culturale Carlo Alberto Cappelli di Rocca San Casciano (FO). Condotto da Daniele Rubboli, il concerto, al quale ha partecipato una autentica folla nel salone di rappresentanza del castello, è stato dedicato a Giuseppe Verdi, al suo piu’ affezionato librettista Francesco Maria Piave e naturalmente a Carlo Alberto Cappelli ineguagliato manager del teatro musicale italiano, che dopo aver fatto grande il Comunale di Bologna, fece dell’Arena di Verona l’appuntamento d’obbligo estivo per i melomani di tutto il mondo.
Il successo dell’evento è stato assai bene espresso dalle parole del Principe Meli Lupi il quale ha sottolineato che da decenni, dopo il concerto che lì aveva tenuto il mitico Giuseppe Di Stefano, tra quelle mura non si erano ascoltati momenti musicali interpretati con tanta appassionata partecipazione da parte di artisti giovani, ma evidentemente profondamente coinvolti nella loro missione musicale. E ad entusiasmare il padrone di casa, come il pubblico intervenuto anche dalla Romagna e da Modena, sono stati lo svettante tenore Matteo Cammarata di Como, voce lirica per eccellenza che alla bella presenza unisce il fascino di un canto fresco e sinceramente appassionato; il soprano coreano Sarah Park, che ha già esperienze scaligere, e unisce alla capacità di impadronirsi della scena e calamitare le attenzioni del pubblico, una bella vocalità da lirico pieno; il basso Walter Rubboli, in forma smagliante, che ha suscitato fragorosi applausi sia interpretando i grandi ruoli verdiani sia concedendosi a momenti sorridenti firmati da Donizetti, come il delizioso “Trovatore in carcatura”.
Al piano la giovane coreana Kim JangMi che ha accompagnato anche gli interventi della tromba dell’eccellente artista romagnolo Mauro Di Tante il quale dopo aver dedicato a Verdi, Piave e Cappelli un suggestivo e commovente “Silenzio di Ordinanza”, ha interpretato con coinvolgente partecipazione emotiva sia il brano made in USA “Polvere di stelle”, sia una trascinante Marcia Trionfale dell’Aida che ha fatto scattare in piedi tutto il pubblico. L’associazione Cappelli sempre molto attenta anche alle nuove realtà giovanili, ha presentato anche il soprano romagnolo Elena Salvatori, di 18 anni, che si è fatta apprezzare sia interpretando l’aria da camera di Giuseppe Verdi “In solitaria stanza”, sia “Convien partir” da “La figlia del reggimento” di Gaetano Donizetti. Il sindaco di Soragna, Salvatore Farina, ringraziando Dodo Frattagli e Daniele Rubboli ha chiesto loro di tornare presto nella sua città per offrire alla popolazione un altro ... sogno musicale come questo. (Comunicato Stampa)

Commenti

Post popolari in questo blog

ANDREA ZAUPA: UNA CARRIERA TRA CANTO, MEDITAZIONE E FOTOGRAFIA. INTERVISTA CON IL BARITONO VICENTINO CHE STA PER DEBUTTARE NEL PERSONAGGIO DI SCARPIA

STEFANIA BONFADELLI UNA REGISTA ALL'OPERA: DOPO IL VERDI COMICO A MARTINA FRANCA L'ARTISTA VERONESE METTE IN SCENA MARIA CALLAS MASTER CLASS

PER IL COMPLEANNO DI GIORGIO STREHLER A VENT'ANNI DALLA MORTE: 14 AGOSTO 1921