Piano City Pordenone: sabato 20 giugno seconda giornata di Festival, con Losito, Bacchetti, il tributo Jazz Over Beethoven

Le diverse “tonalità” del pianismo: dalla classica alla traduzione strumentale di celebri arie liriche, passando per l’omaggio jazzistico a Beethoven nell’anno in cui se ne celebra il 250mo anniversario dalla nascita, fino all’improvvisazione jazz o neoclassica. Sabato 20 giugno il festival Piano City Pordenone, organizzato dal Comitato Piano City Pordenone assieme al Comune di Pordenone con il sostegno di Regione Fvg, Fondazione Friuli e la generosità di diversi sponsor privati, entra nel vivo con concerti dal mattino fino a sera inoltrata nei tre luoghi simbolo scelti per questa edizione, la Loggia del Municipio, il Convento di San Francesco e la splendida corte di Palazzo Loredan Porcia, dove sono in programma concerti in contemporanea. Sono tanti i friulani che brillano in cartellone, dagli udinesi Nicola Losito (al San Francesco alle 17,15,) 24 anni, considerato uno dei maggiori talenti della sua generazione (a 21 anni la rivista Amadeus gli ha dedicato la copertina della rivista con un CD inedito dedicato a Schumann, Medaglia della Camera dei Deputati come riconoscimento al talento) e Maria Iaiza (alle 15,30), così come i giovanissimi talenti Camilla Camerotto di soli 10 anni, Filippo Alberto Rosso pordenonese vincitori di innumerevoli premi così come il veneto Davide Conte (alle 15,30 in Loggia) e Dafne Comelli con Gabriele Ganzini e Francesco Alexander Morici (alle 17,15 a Palazzo Loredan Porcia) preceduti da Elisa Banetta, Aleksandar Djuric e Anna Zanforlini (alle 15,30), nonché Matteo Perlin e Lorenzo Marzin (alle 17,15 in Loggia)
In programma anche giovani professionisti all’avvio di carriera, già capaci di un tocco brillante ed esecuzioni coinvolgenti, come Matteo Cabras, Elisabetta Chiarato, Giulia Toniolo, Giulia Oivieri. E ancora il jazz e crossover di Luis Di Gennaro, Massimo Fabio Giacomini, Mario Panebianco, Fiamma Velo, Riccardo Morpurgo, Francesco Corrado. Già tutto esaurito il concerto in chiesa al San Francesco – ma con possibilità di accedere ai posti a sedere suppletivi allestiti nel Chiostro e diretta streaming – con l’ingegnoso Andrea Bacchetti, che alle 21 si esibirà con un programma in cui figurano celebri opere di Bach di cui proporrà la Suite francese n. 5 in sol maggiore BWV 816 e Schubert di cui eseguirà l’Allegretto D 915 e i 4 Improvvisi op. 142. Nato nel 1977, ancora giovanissimo Andrea Bacchetti ha raccolto i consigli di Karajan, Magaloff, Berio, Horszowski, Siciliani. Debutta a 11 anni a Milano nella Sala Verdi con i Solisti Veneti diretti da Scimone. Da allora suona più volte in festival e nelle più prestigiose sale concerto internazionali. In Italia è stato ospite delle maggiori orchestre e di alcuni enti lirici e di tutte le più importanti associazioni concertistiche. All'estero ha lavorato con numerose orchestre con direttori come Bellugi, Guidarini, Venzago, Luisi, Zedda, Manacorda, Panni, Petitgirard, Burybayev, Pehlivanian, Grazioli, Sanguineti, Toyama, Urbansky, Gullberg Jensen, Nanut, Lu Ja, Justus Frantz, Baungartner, Valdes, Renes, Goldstein, Bender, Bisanti, Ceccato, solo per citarne alcuni.
Incide per Sony Classical e fra la sua ampia discografia sono da ricordare il SACD con le sonate di Cherubini (Penguin Guide UK, Rosette 2010), “The Scarlatti Restored Manuscript” (RCA Red Seal) che è risultato vincitore dell' ICMA 2014 nella categoria “Baroque Instrumental”. Di Bach le “Invenzioni e Sinfonie” (CD del mese della BBC Music Magazine – Settembre 2009 e “The Italian Bach” (CD del mese della rivista giapponese “Record Geijutsu, maggio 2014). Dopo il felice esperimento del concerto alle 4 del mattino della prima edizione, per l’anno beethoveniano quest’anno l’improvvisazione jazz festeggerà il compositore tedesco nel 250mo anniversario della nascita. Sabato la giornata terminerà alle 23.30 al Convento di San Francesco con il concerto ’Round Midnight (Jazz Over Beethoven), contaminazione tra jazz e classica. I jazzisti Arno Barzan, Bruno Cesselli, Paolo Corsini, Juri Dal Dan, Luca Ridolfo, Gianpaolo Rinaldi improvviseranno su evocazione delle partiture di Beethoven proposte al pianoforte da giovani musicisti classici, ovvero Gaia Arena, Morgana Barbui, Federico Bortolin, Matteo Perlin, Filippo Alberto Rosso, Anna Zanforlini. Ogni concerto godrà del supporto dei volontari del Gruppo Comunale della Protezione Civile, della Protezione Civile dell’Ana (associazione nazionale alpini) e dei volontari dell’associazione la cifra. Piano City Pordenone è realizzato grazie al fondamentale e generoso sostegno di molti sponsor e sostenitori, Confindustria Alto Adriatico, Ponterosso, Consorzio Pordenone turismo e Confesercenti, Teatro Verdi Pordenone, Ordine degli Architetti di Pordenone, Mobilificio Sangiacomo, Karton, Marcolin Covering, Bcc Pordenonese e Monsile, Salamon Immobiliare, Electrolux, Sina, Reale Mutua, RS, Jesoldolce, Fereggotto Elevatori, Ferronato, Banca Generali, Baldissar, Visotto, Mozzon, Park Hotel Pordenone Best Western, Antiche Trame, Le Troi Chef, Cartimballo, Yamaha, Mp Musica, Visivart, Wasabit, Regìa Comunicazione, Tipolitografia Martin. I concerti sono prenotabili attraverso piattaforma Eventbrite a cui si può accedere dal sito Piano City Pordenone. MISURE DI SICUREZZA Si ricorda che durante i concerti non è previsto intervallo, è necessario indossare sempre la mascherina (anche di comunità) e non è possibile cambiare posto a sedere. Gli spettatori non potranno partecipare agli eventi né accedere agli spazi dedicati con temperatura superiore i 37,5 gradi o se manifestino sintomi di difficoltà respiratoria o abbiano avuto contatto con persone risultate positive a Covid-19 nelle settimane precedenti l’evento. Si ricorda che sono in vigore le nuove modalità e regole previste per gli spettacoli dal vivo, perciò sarà obbligatoria una riduzione del numero di spettatori rispetto alla capienza usuale delle sedi, per mantenere il distanziamento interpersonale.
GLI ARTISTI DI PIANO CITY PORDENONE 2020 Leonora Armellini, Andrea Bacchetti, Elisa Banetta, Arno Barzan, Svetlina Boiadjieva, Matteo Cabras, Camilla Camerotto, Bruno Cesselli, Elisabetta Chiarato, Alessandro Chiovara, Dafne Comelli, Davide Conte, Francesco Corrado, Paolo Corsini, Juri Dal Dan, Eleonora e Beatrice Dallagnese, Sara De Ascaniis, Luis Di Gennaro, Aleksandar Djuric, Duo Labelli, Maria e Francesca Musti, Rudy Fantin, Gabriele Ganzini, Massimo Fabio Giacomini, Yazan Greselin, Maria Iaiza, Aleandro Giuseppe Libano, Valentina Lisitsa, Nicola Losito, Massimo Malavasi, Lorenzo Marzin, Francesco Alexander Morici, Riccardo Morpurgo, Giulia Olivieri, Mario Panebianco, Matteo Perlin, Luca Ridolfo, Federica Righini - Riccardo Zadra, Gianpaolo Rinaldi, Filippo Alberto Rosso, Matteo Sarcinelli, Davide Scarabottolo Samuele Stefanoni, Giulia Toniolo, Fiamma Velo, Anna Zanforlini, Manuel Zito, Romeo Zucchi. PORDENONE, 19/06 INFO: www.pianocitypordenone.it - FB Piano City Pordenone (COMUNICATO STAMPA) bellaunavitaallopera.blogspot.com

Commenti

Post popolari in questo blog

ANDREA ZAUPA: UNA CARRIERA TRA CANTO, MEDITAZIONE E FOTOGRAFIA. INTERVISTA CON IL BARITONO VICENTINO CHE STA PER DEBUTTARE NEL PERSONAGGIO DI SCARPIA

STEFANIA BONFADELLI UNA REGISTA ALL'OPERA: DOPO IL VERDI COMICO A MARTINA FRANCA L'ARTISTA VERONESE METTE IN SCENA MARIA CALLAS MASTER CLASS

LEYLA MARTINUCCI ALLA CONQUISTA DI FALSTAFF: INTERVISTA CON IL MEZZOSOPRANO DI ORIGINI PUGLIESI IN SCENA A MIAMI NEL BARBIERE DI SIVIGLIA E PROSSIMA A DEBUTTARE IN QUICKLY NELLA REPUBBLICA CECA