TEATRO VERDI DI PORDENONE: SI RINNOVA LA RESIDENZA ESTIVA A PORDENONE DELLA GUSTAV MAHLER JUGENDORCHSTER, QUEST'ANNO IN ESCLUSIVA EUROPEA. IL VERDI DIVENTA MAIN PARTNER

Non solo si conferma, ma rafforza la collaborazione e raddoppia per durata e formazioni: il sodalizio che da quattro anni unisce il Teatro Verdi di Pordenone alla principale Orchestra giovanile d’Europa, la Gustav Mahler Jugendorchester, si rinnova anche in questo frangente, ancora critico per lo spettacolo dal vivo, e rilancia la partnership con ben tre settimane di residenza a Pordenone di due diverse formazioni orchestrali. La ripartenza della programmazione del Verdi culmina - dopo aver già avviato una rassegna d’eccellenza nel segno del jazz, in calendario ogni giovedì fino alla fine di luglio – in questa nuova fase progettuale, che vede il Teatro affiancare da quest’anno la GMJO come main partner con una residenza in esclusiva europea, un risultato insuperabile in termini di capacità imprenditoriale dell’ente. In un anno particolare, in cui il concetto di Residenza di una compagine orchestrale pareva impossibile da realizzare, il Verdi si dimostra ancora una volta pioniere di una tenace volontà costruttiva, grazie all’importante sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, e dell’Assessorato alle Attività produttive in particolare, di PromoTurismo FVG e la collaborazione del Comune di Pordenone.
Se anche quest’anno la GMJO ha un programma di concerti, di formazione e selezione quindi, è proprio grazie all’impegno strategico del Teatro Verdi che ospiterà i giovani e talentuosi musicisti europei tra il 12 e il 31 agosto, raggruppati in due formazioni che si alterneranno a Pordenone sempre sotto la guida di un giovane e già pluripremiato Maestro, l’under 30 austriaco Tobias Wögerer, scoperto dal leggendario Franz Welser-Most acclamato dai podi europei e protagonista assieme a H. Bloomsted dell’edizione GMJO 2019. «Nel prestigio che connota l’attività del teatro, riconosciuta non solo dal pubblico ma sempre di più anche dalla critica di settore, la rinnovata residenzialità, quest’anno in esclusiva, della Gustav Mahler Jugendorchester, in assoluto la compagine giovanile più famosa al mondo, fondata per iniziativa di Claudio Abbado, proietta ancora una volta Pordenone nel circuito internazionale della musica classica, al pari delle grandi capitali europee», commenta il Presidente Giovanni Lessio. «Quella della GMJO – prosegue il Presidente - non si configura come un’ospitalità: il Verdi, infatti, è partner principale dell’Orchestra, è l’ente che ha consentito alla più importante formazione musicale giovanile in Europa di trovare le condizioni artistiche, logistiche, tecniche ed economiche per la realizzazione della tournée estiva 2020».
La presenza della GMJO a Pordenone consentirà anche quest’anno di programmare quattro, esclusivi concerti, due per ciascuna delle formazioni in residenza. I primi due concerti si svolgeranno a metà agosto in “trasferta” in due località regionali. Alla seconda formazione orchestrale il compito, invece, di suggellare la residenza a Pordenone con due concerti programmati a fine agosto al Teatro Verdi, per i quali sono aperte le prevendite già a partire da mercoledì 22 luglio.
Sabato 29 agosto in programma il concerto dal titolo “Idillio della natura”, su musiche di Anton Webern, Gustav Mahler, Franz Schubert e Richard Wagner. Il programma del concerto di domenica 30 agosto, “Attesa e Rinascita” presenta, invece, musiche di Claude Debussy, Arnold Schoenberg, e Dmitri Shostakovich. Nei concerti anche tre solisti d’eccezione, con il pianoforte di Maurizio Baglini, la splendida voce del soprano tedesco Angela Denoke e la tromba solista del musicista spagnolo Martin Baeza Rubio. Prevendita biglietti attiva on-line al sito www.comunalegiuseppeverdi.it e alla biglietteria del Teatro (tel 0434 247624). Previste speciali agevolazioni per chi acquisterà i due concerti. PORDENONE, 21/07 Foto: Reinhard Winkler. (Comunicato stampa) bellaunavitaallopera.blogspot.com

Commenti

Post popolari in questo blog

LEYLA MARTINUCCI ALLA CONQUISTA DI FALSTAFF: INTERVISTA CON IL MEZZOSOPRANO DI ORIGINI PUGLIESI IN SCENA A MIAMI NEL BARBIERE DI SIVIGLIA E PROSSIMA A DEBUTTARE IN QUICKLY NELLA REPUBBLICA CECA

LA MERAVIGLIOSA STORIA DELLA SALA TRIPCOVICH DI TRIESTE E DEL SUO MECENATE RAFFAELLO DE BANFIELD

STEFANIA BONFADELLI UNA REGISTA ALL'OPERA: DOPO IL VERDI COMICO A MARTINA FRANCA L'ARTISTA VERONESE METTE IN SCENA MARIA CALLAS MASTER CLASS